Online reporting | Login | Not registered? Ask now!

Versione Italiano | English Version

Press Coverage

Date: 6/11/2008

Fecondazione assistita pre-embrionale, in Italia il primo nato al mondo

ROMA - E' il primo neonato che mette d'accordo etica e scienza. O almeno, schiva eventuali problemi. E' nata a Roma lo scorso ottobre -e gode di buona salute- la prima bimba nata con la "diagnosi genetica pre-concepimento", tecnica di fecondazione assistita che permette alle donne portatrici di malattie genetiche di avere un figlio senza ricorrere alla selezione dell'embrione. L'annuncio arriva dal I congresso della Federazione italiana di ostetricia e ginecologia (Fiog), in corso a Roma, a cui partecipano i padri della metodica sperimentata (tutta italiana): Massimo Moscarini, Francesco Fiorentino e Donatella Caserta.

La diagnosi genetica pre-concepimento, risultato della collaborazione tra l'Università La Sapienza e il Laboratorio Genoma di Roma, studia l'ovocita materno prima che sia fecondato dallo spermatozoo del partner. Con questo nuova metodo arrivano speranze per malattie come la talassemia, la fibrosi cistica e la distrofia muscolare. Speranze anche per le coppie nelle quali la donna, in caso di età avanzata, è a rischio di concepire un figlio con la sindrome di Down. Un processo "tutto italiano" che mette d'accordo scienza ed etica nel rispetto della legge 40 sulla fecondazione assistita. Quest'ultima impedisce di selezionare gli embrioni che dovessero risultare affetti da malattie genetiche, e la tecnica annunciata dalla Fiog evita tutte le implicazioni di carattere etico legate alla selezione dell’embrione.

"La via italiana alla ricerca sulla procreazione medicalmente assistita- afferma Massimo Moscarini, dell’Università La Sapienza Sant’Andrea- finalmente coniuga scienza ed etica e risolve uno dei problemi, forse il più sentito, che affligge le coppie sterili portatrici di malattie genetiche. E supera anche il problema biogiuridico posto dalla Legge 40".

La diagnosi genetica pre-concepimento, aggiungono Francesco Fiorentino, biologo molecolare, direttore del Laboratorio Genoma, e Donatella Caserta, della Sapienza, "mira a selezionare gli ovociti (e non gli embrioni) in cui sia assente l’anomalia genetica materna, in modo da produrre embrioni sani". Come spiegano i medici, "ciò è realizzato eseguendo l’analisi genetica dell'ovocita, mediante biopsia del primo globulo polare (1PB), prima della sua fertilizzazione, e quindi prima che si sia formato l'embrione. Con questa procedura, possono essere diagnosticate tutte i tipi di malattie genetiche e cromosomiche a trasmissione materna".

6 novembre 2008